Governare le paure da riformisti

Scritto da Giovanni Siragusa

Dopo il 4 Marzo il PD Milanese ha ripreso il proprio cammino. Ieri sera presso l’Aula Consiliare di Via Sansovino al numero 9,  si è svolto l’attivo degli iscritti e simpatizzanti del PD del Municipio 3 di Milano. Un momento collettivo di riflessione per capire i motivi della sconfitta della doppia sfida elettorale, che ha coinvolto tutti i circoli della zona, impegnando le energie migliori del territorio. Ma soprattutto è stato un momento per guardare avanti e rilanciare ancora di più gli assunti principali della cultura riformista e progressista, la cui appartenenza non è stata mai sottaciuta dai circoli del Municipio 3. Anzi, la sconfitta è stata presa come uno stimolo per proseguire un cammino fatto di importanti riforme, che hanno cercato di ammodernare le Istituzioni del nostro Paese, che spesso non riescono a stare al passo con quello che accade fuori dalle stanze dei bottoni. Non è un caso se adesso ci troviamo in una situazione di disagio istituzionale, in cui ci sono non poche difficoltà a creare un governo in base ai risultati elettorali raggiunti dalle coalizioni politiche in campo. Uno scenario che forse si sarebbe potuto evitare se l’esito del Referendum del 4 Dicembre del 2016 fosse stato diverso da quello che è stato. Succede però che il cambiamento ha radicalmente agito nel nostro sistema economico e sociale, trasformandone i paradigmi e le dinamiche di fondo. Un passo non ancora metabolizzato da molti italiani, che spesso guardano il mondo moderno con i paradigmi del passato. La globalizzazione ha generato ferite sociali e ha lasciato scontente diverse sacche di popolazione, che adesso si sentono estraniate e deluse dalla politica. Ecco allora l’irrompere delle forze populiste, che ingaggiano la paura verso un mondo incerto e restituiscono demagogia. E’ qui che devono entrare in gioco le forze riformiste, che manifestandosi aperte e inclusive verso chi è andato indietro in questi anni, dovrebbero mostrare un cammino nostalgico di futuro, costruito su una proposta politica seria, concreta e moderna. Tra i temi che aspettano di essere affrontati tra la gente ci sono sicuramente: lavoro, lotta al degrado urbano, parità di genere e mobilità urbana, ma anche sociale. Servono più riforme, non di certo di meno come è stato prospettato da alcune forze politiche avversarie durante la campagna elettorale. E soprattutto bisogna ripartire da una proposta politica che sappia far parlare alle Istituzioni lo stesso linguaggio di un mondo che cambia rapidamente, sotto i nostri occhi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...